Recensioni · Serie TV

The Magicians

Dopo aver seguito il consiglio di un’amica – cosa che accade molto raramente dato che faccio quasi sempre di testa mia in tutto e per tutto – ed essermi presa del tempo per pensare a cosa scrivere a riguardo – non è vero, mi stavo solo dimenticando la mia usanza di scrivere un post sul blog – , sono qui per parlarvi dell’ultima delle serie TV che ho recuperato, ovvero The Magicians. Come già detto, mi è stata consigliata… Per via del trash presente in essa. E, dopo la fine di Pretty Little Liars, avevo così bisogno di una dose di trash che ho decido di darle un’opportunità. Del resto non è mai morto nessuno per aver cominciato una serie TV e aver scoperto che non fa per lui, giusto? Ma non c’è solo quello all’interno della serie.

1452345870-1762981391-volshebniki-pstInnanzi tutto, The Magicians segue le vicende di Quentin Coldwater e dei suoi amici Julia, Alice, Eliot, Margo, Penny e Kady. Quentin è un ragazzo che manifesta sintomi collegabili all’ansia e alla depressione, con una grande passione per la serie Fillory And Further, che si svolge in un universo parallelo che ha davvero tantissime analogie con Narnia. Le cose cambiano quando viene invitato a sostenere un esame per entrare a Brakebills, una prestigiosa e segreta scuola di magia americana. È infatti quello il punto di svolta della sua vita, quello da cui conoscerà i suoi compagni di avventura e scoprirà che la magia è reale, così com’è reale la sua tanto amata Fillory e tutti le minacce che da essa provengono.

La serie TV è attualmente composta da due stagioni, con la terza in fase di realizzazione. La prima stagione parte bene con i primi episodi – cosa che mi ha resa molto entusiasta all’inizio – , ma poi si perde e mischia buchi di trama e una buona dose di trash di tanto in tanto. La seconda, invece, è nettamente migliore: se nella prima stagione scoprono che la magia e Fillory sono reali, in quella successiva si dirigono a Fillory e scoprono un mondo tutto nuovo, piuttosto diverso da ciò che immaginavano e tutto prende una piega molto più fantasy, che ho apprezzato davvero tanto. E Dio solo sa quanto ho invidiato Quentin per aver scoperto che il suo mondo ideale esiste sul serio e per esserci potuto andare.

sub-buzz-2319-1480373320-1-jpg

In ogni caso, il trash non è l’unica cosa presente all’interno della serie. Vengono infatti trattati argomenti più seri nei cicli delle varie puntate, quali la malattia mentale, la violenza fisica e psicologica, la perdita delle persone care. C’è del trash, ma per fortuna non tutto si riduce a quello. E vi consiglio di darle un’opportunità, soprattutto perché è davvero poco conosciuta.

Annunci

One thought on “The Magicians

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...