Libri · Recensioni

La Terra delle Storie – L’Odissea di un Autore

Quinto e penultimo – se solo ci penso già mi piange il cuore – viaggio nella Terra delle Storie. Siamo ormai giunti al giro di boa e L’Odissea di un Autore lo mette in evidenza senza alcuna vergogna, tirando le redini di tutte le questioni ancora aperte dai libri precedenti.

la-terra-delle-storie-lodissea-di-un-autore-everpopIl mondo delle fiabe è completamente allo sbaraglio dopo che l’Uomo Mascherato e il suo esercito letterario l’hanno invaso, seminando terrore e morte in ogni Regno. Proprio per questo Alex e Conner si rimboccano le maniche per l’ennesima volta e, grazie alla Pozione Portale della nonna, viaggiano attraverso le storie brevi di Conner per reclutare i loro protagonisti e convincerli ad aiutarli a salvare la Terra delle Storie. E, se nell’Altromondo, i gemelli Bailey sono occupati ad uscire da una storia per entrare in quella successiva, tutto il resto non resta di certo statico: le streghe stanno ultimando i preparativi per lanciare una maledizione su Alex, Emmerich viene rapito e Bree, in compagnia delle Sorelle Grimm, tenta di rintracciarlo… Tutto questo mentre sta per aprirsi un portale nel bel mezzo di New York che collega la Terra delle Storie e l’Altromondo.

Prima di perdermi a parlare di quello che c’è dentro al libro, vorrei sottolineare che l’ho letto in lingua originale dato che 1) non sono riuscita a reperire l’ebook in italiano e 2) ho trovato quasi per caso tutti i libri della serie in formato elettronico e in lingua inglese. E confesso che non avrei potuto compiere una scelta migliore, perché l’ho davvero adorato. Che poi sono certa che l’avrei adorato a prescindere in qualunque lingua, perché questa serie mi sta piacendo davvero troppo e non c’è attimo in cui mi penta di averla iniziata. Anzi, vorrei che mi cancellassero la memoria solo per rileggerla da capo e innamorarmene di nuovo.

“Traveling into the short stories had been all Conner could think about since he’d first had the idea. Naturally, the circumstances to warrant the trip were terrible, but he still felt the luckiest author in the world. Who else got to visit the worlds and meet the people that existed only in their imagination?”

Fatto della lingua a parte, quello che c’è dentro al libro è fenomenale: Alex e Conner viaggiano quasi senza sosta nelle storie brevi di quest’ultimo, vivendole in prima persona. Cioè, capite? Questi due ragazzini vivono il sogno di ogni lettore di fronte al proprio libro preferito e io li ho invidiati terribilmente. Le cose però non finisco qui, perché il viaggio che affrontano nelle storie brevi di Conner è, allo stesso tempo, anche un viaggio nella sua mente, che si snoda tra ciò che ha vissuto e chi ha incontrato fino a quel momento. E tutto questo mi ha fatto andare in brodo di giuggiole: c’è un motivo se ha scritto ciò che ha scritto, nulla è stato lasciato al caso.

“I learned a lot about you from your writing, possibly more than you intended to share. Perhaps as you look through your stories again, you’ll learn a thing or two about yourself”.

Ormai attendo solo di mettere le mani sull’ultimo capitolo della serie, Worlds Collide, uscito lo scorso 11 luglio… Dopodiché cadrò in depressione una volta arrivata alla fine.

VOTO: ★★★★★

Annunci

2 thoughts on “La Terra delle Storie – L’Odissea di un Autore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...